Le Perle di Mechelen

Alessandro Fantini

Le perle di Mechelen

Saggi su cinema, musica, pittura e letteratura

Disponibile in formato paperback e in ebook su Amazon e sulla vetrina Lulu dell’autore:

https://www.amazon.it/gp/product/1086746759/ref=dbs_a_def_rwt_hsch_vapi_taft_p1_i11

http://www.lulu.com/shop/alessandro-fantini/le-perle-di-mechelen/ebook/product-21320058.html

Mechelen era il nome della taverna dai sei camini che occupava il pianoterra della casa di Delft in cui il pittore olandese Vermeer trascorse la sua misteriosa infanzia.Così come quello spazio accoglieva di sera i visitatori dell’antistante Piazza del Mercato, allo stesso modo questo volume raccoglie una prima eterogenea selezione di saggi ed articoli che Alessandro Fantini ha dedicato a quelle passioni creative in cui si è cimentato fin dall’infanzia in qualità di artista, dalla letteratura alla musica, dal cinema alla pittura. Tra le perle di critica estetica che compongono questa collana sfavillante di rimandi ipertestuali, oltre allo studio comparativo condotto attraverso la disamina del film “La ragazza con l’orecchino di perla” e l’omonimo romanzo di Tracy Chevalier, un’analisi incrociata di “Shining” e “Blade Runner” dove vengono messe in luce convergenze simboliche tra la paranoia sovrannaturale di Jack Torrance e quella artificiale dei replicanti della Los Angeles del 2019; una riflessione sul significato filosofico ed esoterico della Sfera nell’arte di Michel Granger e nella musica di Jean Michel Jarre; un’indagine sull’ascendente preraffaellita esercitato da d’Annunzio sulle cultura letteraria e figurativa romana di fine ottocento; la proposta di un manifesto per una nuova “Arte Medianica” formulata sulla scorta delle esperienze dello scienziato e mistico Emanuel Swedenborg, il cinema di Andrzej Zulawski e i paesaggi medianici di Karel Thole, Balthus e Andrew Wyeth; infine una traversata teoretica intrapresa intorno al concetto della Morte come fine del tempo che dai riti funerari dei Berawan del Borneo passa per Arnold Bὅcklin e arriva fino a “1984” di George Orwell.

Indice

CINEMA

-Gli ultimi guaiti di Un Chien Andalou

-La lama che luccica – Semiografia del chiasmo visivo tra Shining e Blade Runner

-Cloverfield, oggettivare la soggettiva

-Le perle di Mechelen – Di Jan Vermeer letterari e cinematografici

– William Wilson era un replicante? (Blade Runner 2049)

MUSICA

-De Sphaera – Qualche appunto su Sfere, Geoidi, Putrefazioni e Cosmogonie

– Jean Michel Jarre, Agiografia analogica

– Vangelis, Da Volos alla Metafisica

-Più umano dell’umano – La colonna sonora di Wallfisch e Zimmer

ARTE E LETTERATURA

– Le Chimere dell’Isaotta- Dannunziani, ex libris e platonici a “Convito”

– Quando tu, o disegnatore… La dialettica cosmica del disegno leonardesco

-La città dei cassetti – Genesi e storia del metodo paranoico-critico nell’arte di Salvador Dalì

– L’insonnia dell’uomo nero -Sottomissione di Houellebecq

– La favola steampunk dell’incomprensione (Amletò di Sepe)

– Per un manifesto dell’Arte Multimedianica

– La Morte come fine del tempo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...